UN FILO DI INCERTEZZA

Legato ad un filo d'incertezza,

sospeso tra volare o rimanere,

mi sento specchio in una stanza buia...

e mi vesto di speranza ogni mattina, ma la sera, nudo,

inseguo sogni per non morire...

Legato ad un filo d'incertezza,

guardo gli occhi di un cielo opaco, di un mare calmo,

e senza più respiro, indosso i suoi colori.

Sospeso fra ostilità e sorrisi senz'anima,

attendo la brezza per diventare pensiero leggero,

che si dimentica quando niente ci appartiene.

 

ANDREA LAI

-----------------------------------------

 

 

 

 

PROFUMO DI AMBRA

Stamattina, i merli divoravano un cespuglio di more,

come la nostalgia devasta ora la mia anima...

Erano giorni di fine primavera e le pozzanghere secche,

riflettevano l'aridità che dentro mi strozzava il respiro.

Gioia sei stata e dolore sei diventata,

ombra di un ricordo indelebile che scorre nelle lacrime

 asciutte, lasciando solchi di amari desideri...

Tendo la mano per ritrovarti,

ma un profumo di ambra sussurra alla mia solitudine,

che niente è per sempre!

 

 

 

 

IL SILENZIO SI FA NOTTE

Il respiro si fa corto,

e il silenzio si fa notte...

La strada scorre veloce sotto i miei passi e trascino una valigia,

ad ogni lacrima segue un sorriso, ad ogni sorriso una speranza che mi aspetta.

Il respiro si fa corto,

il silenzio si fa giorno e mi perdo fra nuvole e binari.

Mi perdo fra la confusione delle stagioni,

fra i profumi del desiderio,

nell'infinito sguardo di occhi d'autunno caldi come sabbia estiva,

di un tempo lontano che non è mai passato...

 

 
Qualcuno dice che...
EVENTI
CURRICULUM
POESIE 2
GALLERIE

 

LA MASCHERA DI NESSUNO

Comandato da volontà incognite, come un foulard trasportato dal vento che vorticosamente rotola, sbattendo su tutto senza riuscire ad aggrapparsi a niente, faccio in modo che i miei nervi non si spezzino tentando di stringere le mani su qualche inutile speranza.

Penso ai prossimi giorni senza poter decidere niente, con la certezza che qualcuno ha già pensato per me.

Come può un pagliaccio sforzarsi di far ridere gli altri, con le sue espressioni colorate, se quella maschera nasconde tanti dispiaceri?

Forse è con lui che dovrei parlare, ma sono solo con i miei pensieri ossessionanti!

Devo accontentarmi di vedere il pagliaccio apparire su un foglio di carta, fissarlo per ore e sperare che qualcosa succeda; ma l'unica e inarrestabile realtà rimane il ticchettio di un orologio che mi sveglia costringendomi a guardarlo.

Sconsolato mi accorgo che il sogno è durato  solo qualche minuto e i problemi sono ancora qui, tutti intorno, che guardano beffardi.

 

LA MASCHERA DI NESSUNO

Comandato da volontà incognite, come un foulard trasportato dal vento che vorticosamente rotola, sbattendo su tutto senza riuscire ad aggrapparsi a niente, faccio in modo che i miei nervi non si spezzino tentando di stringere le mani su qualche inutile speranza.

Penso ai prossimi giorni senza poter decidere niente, con la certezza che qualcuno ha già pensato per me.

Come può un pagliaccio sforzarsi di far ridere gli altri, con le sue espressioni colorate, se quella maschera nasconde tanti dispiaceri?

Forse è con lui che dovrei parlare, ma sono solo con i miei pensieri ossessionanti!

Devo accontentarmi di vedere il pagliaccio apparire su un foglio di carta, fissarlo per ore e sperare che qualcosa succeda; ma l'unica e inarrestabile realtà rimane il ticchettio di un orologio che mi sveglia costringendomi a guardarlo.

Sconsolato mi accorgo che il sogno è durato  solo qualche minuto e i problemi sono ancora qui, tutti intorno, che guardano beffardi.

 

UNICA

Eri la nota che non sono mai riuscito a suonare,

il colore che non ho mai saputo dipingere,

l'emozione che mi è stata negata,

eri la pioggia che profuma i petali,

eri la mano che stringeva i segreti,

la lacrima che solcava il mio dolore,

la vita che aspettavo di respirare,

eri tutto ciò che non si vede,

tutto ciò che si desidera,

tutto quello che rende vivi...

Eri unica... e così sarai.

 

HOME